I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali e dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i. L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi degli artt. 10, 12 e 13 del D.L.gs. 22 gennaio 2004, n.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio)

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

La fortezza di Fenestrelle iniziata nel giugno del 1728 ad opera del progettista ingegniere Conte Ignazio Bertola, definita la piazza da guerra. Si estende per circa 3 km lungo il costone del monte Pinaia.Raggruppa un grande complesso di fortificazioni in tre nuclei importanti: il primo forte San Carlo dotato di una piazza d'armi in cui si affacciano palazzi di rappresentanza e dove parte la grade via di comunicazione "la scala coperta" di circa 4000 gradini, il secondo forte Tre Denti intermedio con una garitta osservatorio per il controllo della valle, ultimo il forte delle Valli il più antico.Il compendio conta circa 1300000 mq di superficie, la grandiosa fortezza è uno splendido esempio di concezioni statiche difensive dell'epoca.Costruita a serravalle per sbarrare la strada alle incursioni francesi in difesa del proprio territorio.Caratterizzata da una catena di risalti n.28 che la contraddistinguono.La grande muraglia piemontese alpina seconda al mondo dopo la muraglia cinese,è l'unica fortezza sabauda del 700 pervenuta a noi,scampata alle demolizioni napoleoniche.

Informazioni sullo stato della conservazione

La Piazzaforte di Fenestrelle dopo la seconda guerra mondiale, fu abbandonata al suo destino, fu saccheggiata e vittima di atti di vandalismo.La vegetazione fece da padrona provocando danni serissimi alla costruzione che subì crolli ,frane, cedimenti.L'incuria durò decenni,solo nel 1990 l'associazione progetto san Carlo si attivò per il recupero della fortezza,ampi settori erano completamente coperti dalle piante e dalle macerie.Con numerosi volontari si lavorò per restituire il bene culturale alle visite e sensibilizzando gli enti pubblici e privati per un piano di restauro.Molto si è fatto ma rimane ancora molto da completare visto le dimensioni faraoniche della fortezza, dopo 27 anni di lavoro l'associazione continua e promuove la ricerca dei finanziamenti indispensabili per la salvaguardia di questo capolavoro di arte fortificatoria. 

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

orario di apertura: lun.giov.vener.sab.dom. dalle 10,00 alle 17,00

Chiuso martedì e mercoledì

Luglio -agosto aperto tutti i giorni con lo stesso oario

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 140.000,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

Gli edifici della polveriera San Carlo fanno parte del complesso architettonico del forte delle Valli,  inseriti nei percorsi di visita a scopo conoscitivo e didattico. Il progetto prevede la parziale demolizione di tutte le murature in pietrame ammalorate o parzialmente crollate, con una cernita sul posto dei materiali da riutilizzare. Successivamente verrà ripristinata la muratura in pietra in tutte le zone di degrado o di distacco. Si dovrà realizzare un cordolo perimetrale, essendo il forte in zona sismica e si provvederà ad ospitare la costruzione del tetto. La copertura prevede travi di grande orditura squadrate uso trieste a cui verrà fissato il tavolato, la menbrana impermeabile e per finire la copertura in lose. Verrà inoltre realizzata una pavimentazione al piano terra con un relativo vespaio per eliminare l'umidità,sarà ripristinato il camino interno rendendolo funzionante. Saranno posati i serramenti alle porte e alle finestre in larice comprensivi di ferramenta pesante e corredate di ante esterne. Sarà realizzato il collegamento con la polveriera con travi in legno rendendo sicura tutta la copertura dell'edificio consentendo ai visitatori di procedere nel percorso in assoluta sicurezza. I materiali dovranno essere portati in cantiere tramite elicottero non essendovi strade di accesso percorribili con mezzi.