I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali e dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i. L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi degli artt. 10, 12 e 13 del D.L.gs. 22 gennaio 2004, n.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio)

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

Conversione di san Paolo, Filippo Mazzola (Parma, 1460 ca. - 1505)

Tempera su tavola, 156 x 130 cm

Provenienza: Cortemaggiore, Convento di San Francesco

 

Ancora nel Settecento era leggibile nel cartiglio in basso a destra l’iscrizione recante la data 1504 e la firma di Filippo Mazzola, il quale proprio a Cortemaggiore, nella Collegiata, ha lasciato un celebre polittico.

Il dipinto evidenzia la ripresa superficiale di modelli figurativi tratti da Giovanni Bellini, nella cui bottega ha verosimilmente lavorato.

Informazioni sullo stato della conservazione

La superficie pittorica evidenzia lacune e sollevamenti dovuti in gran parte al vincolo rigido costituito dal sistema di parchettatura realizzato nel corso di un precedente restauro.

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

L'opera è esposta al pubblico all'interno del percorso di visita della Galleria Nazionale di Parma, aperta tutti i giorni, ad esclusione del lunedì, dalle ore 8:30 alle ore 19:30 e, nei festivi, dalle ore 13:00 alle ore 19:00.

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 17.256,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

Il progetto di intervento prevede, oltre a un’indagine conoscitiva mediante luce radente e fluorescenza UV, la rimozione delle stuccature riconducibili a restauri precedenti nelle giunzioni tra le assi, in previsione del risanamento del supporto. Quest’ultimo prevede la rimozione della vecchia parchettatura, da sostituire – a seguito del risanamento e consolidamento del supporto - con un sistema di aggancio elastico fra quest’ultimo e traverse in grado di garantire una tenuta dell’opera agli imbarcamenti, dilatazioni e restringimenti del supporto ligneo causati dagli sbalzi igrometrici.

Seguiranno le operazioni di consolidamento degli strati pittorici, pulitura, stuccatura e integrazione delle lacune, verniciatura e il restauro della cornice.