I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali e dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i. L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi degli artt. 10, 12 e 13 del D.L.gs. 22 gennaio 2004, n.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio)

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

La villa del Boccaglione o Bucaione, è situata in località Passaggio, nella pianura che si estende ai piedi del colle di Bettona, in un ambito pianeggiante  dove  il fiume Chiascio e il Topino mescolano le loro acque poco prima di confluire nel Tevere. Punto di cerniera tra la valle Tiberina e la Valle Spoletana, al tempo della sua  massima floridezza, sicuramente da questo luogo lo sguardo poteva  percorrere libero un orizzonte  vastissimo che comprendeva, oltre a Bettona  posta sul colle di fronte, anche Perugia,  Assisi e Spello. Fu costruita nella seconda metà del settecento forse su un  preesistente edificio risalente a due secoli prima, dall’antica famiglia bettonese dei Crispolti; passò poi alla famiglia perugina degli Arcipreti della Penna, quindi alla famiglia bettonese dei Bianconi e da questa alla famiglia Iraci Borgia Mandolini.  Nel 1993 fu acquistata dal Ministero BB. CC. AA. Sconosciuto è il nome dell’architetto che ne curò la progettazione, anche se alcune caratteristiche la riconducono all’area culturale del Piermarini. La villa è costituita da un grande corpo centrale a due piani e da vari annessi, tra questi  la piccola ma pregevole chiesa risalente alla seconda metà del sec. XVII, collegata con un passaggio pensile al livello del piano nobile della residenza. Forse proprio  la estrema visibilità del complesso, collocato  al centro di una vasta proprietà terriera,  indirizzò l’architetto ideatore, verso una configurazione del tutto originale che vede la convivenza  del modello  di villa suburbana con quello di villa urbana provvista del suoi giardini quale luoghi designati   per l’otium. Nella villa urbana il giardino è solitamente cinto da alte mura che segnano una netta separazione con il resto della città;  anche la villa Boccaglione, nonostante si collochi in aperta campagna, si richiude su se stessa cingendosi di mura, segnando quindi una netta separazione con il  territorio agricolo, quasi a  testimoniare l’intento dei proprietari di affermare la propria nobiltà analoga alla nobiltà  cittadina. La severa espressione architettonica della  monumentale  villa  caratterizzata da motivi settecenteschi, nell’ondulato gioco della facciata, già terminata da un attico, è movimentata dalla grande scalea ad emiciclo attraversata dall’asse del viale centrale che prosegue nei giardini retrostanti.

Informazioni sullo stato della conservazione

Al momento dell’acquisto del complesso da parte dello Stato la struttura versava nel più completo abbandono, i giardini erano trasformati in fitti e incolti boschi le cui fronde penetravano anche all’interno degli edifici, l’esedra del parco con le ninfee simmetriche, le aiuole e i vialetti erano celati da una vegetazione spontanea che aveva soffocato anche le essenze originarie. Il recupero è iniziato con una radicale opera di disboscamento per liberare e rileggere le linee principali dei giardini e è proseguito con interventi mirati al consolidamento del corpo principale. Si è dovuto necessariamente operare la scelta di indirizzare le limitate risorse economiche a disposizione, al fine di non disperderle, verso un unico obiettivo. Si è deciso quindi di iniziare le opere di consolidamento della villa. Dopo un decennio di lavori risulta pressoché completato il consolidamento strutturale e il restauro dei prospetti del corpo principale ed avviato il restauro dei giardini (giardino segreto, giardino all’italiana, parco) che rappresentano un aspetto fortemente connotativo del complesso monumentale. Infatti essi caratterizzano fortemente l’esterno della villa. Un lungo viale alberato introduce all’ampio cortile rettangolare antistante il corpo principale, da cui in direzione est si apre il giardino definito “segreto“ delimitato da una cinta muraria, che si sviluppa su tre distinti livelli, ognuno dei quali è caratterizzato dalla presenza di fontane. Sul retro della villa si sviluppa il giardino ad esedra (giardino dell’Arcadia) conformato come giardino all’italiana, ed oltre il giardino informale (o parco all’inglese) con il teatrino all’aperto. Osservando le vecchie fotografie dei luoghi si può osservare come il verde ‘artificiale’ delle aiuole, dei limoni e dei grandi arbusti occupasse gran parte dei terreni di pertinenza della villa. L’importanza di questi giardini non è attribuibile all’estensione, modesta a confronto dei giardini delle ville di Monza o alla Reggia di Caserta, ma alla loro eleganza e varietà che consiste nella contemporanea presenza di tre tipi di giardini in voga a partire dal ‘700 e tutto l’800.

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

Apertura su richiesta o in relazione ad eventi specifici.

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 50.000,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

La villa del Boccaglione o Bucaione, è situata in località Passaggio, nella pianura che si estende ai piedi del colle di Bettona, in un ambito pianeggiante dove il fiume Chiascio e il Topino mescolano le loro acque poco prima di confluire nel Tevere. Punto di cerniera tra la valle Tiberina e la Valle Spoletana, al tempo della sua  massima floridezza, sicuramente da questo luogo lo sguardo poteva  percorrere libero un orizzonte  vastissimo che comprendeva, oltre a Bettona posta sul colle di fronte, anche Perugia,  Assisi e Spello. Fu costruita nella seconda metà del settecento forse su un  preesistente edificio risalente a due secoli prima, dall’antica famiglia bettonese dei Crispolti; passò poi alla famiglia perugina degli Arcipreti della Penna, quindi alla famiglia bettonese dei Bianconi e da questa alla famiglia Iraci Borgia Mandolini.  Nel 1993 fu acquistata dal Ministero BB. CC. AA. Sconosciuto è il nome dell’architetto che ne curò la progettazione, anche se alcune caratteristiche la riconducono all’area culturale del Piermarini. La villa è costituita da un grande corpo centrale a due piani e da vari annessi, tra questi  la piccola ma pregevole chiesa risalente alla seconda metà del sec. XVII, collegata con un passaggio pensile al livello del piano nobile della residenza. Nel descrivere la Villa Boccaglione, non si possono trascurare certo i pregevoli giardini e il parco; infatti il complesso è arricchito da giardini all’italiana realizzati con siepi di essenze varie. Di questi, uno è posizionato sul lato destro del corpo centrale, realizzato su tre livelli delimitato dalla limonaia e dall’antico teatro, conserva ancora vasche e fontane, statue e decori in stucco e aiuole disegnate con siepi di bosso. Il giardino posto sul prospetto  posteriore, si articola su un asse centrale realizzato quale prolungamento del viale di accesso alla villa; ai lati vi sono le aiuole con siepi di bosso che disegnano eleganti volute  e due contrapposte  grandi vasche con bordi bassi in laterizio. Il giardino,  perimetrato nel margine esterno da una doppia linea di alberi di querce, lecci e carpini  intervallati dai residui degli  antichi piedistalli che in origine sorreggevano busti in gesso raffiguranti personaggi storici famosi, si collega  al parco all’inglese  delimitato da una cinta muraria  e servito da un  monumentale accesso che si apre sulla campagna retrostante, un tempo probabilmente riservato alle carrozze che poteva da qui, percorrendo il viale realizzato dal doppio filare di lecci, raggiungere agevolmente le stalle e i locali per la loro rimessa.