I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali e dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.

Attività principali dell'istituzione

Il Museo archeologico provinciale di Potenza è ubicato nel rione Santa Maria, alla via Ciccotti. Presenta inoltre un secondo ingresso alla via Lazio.
È aperto al pubblico il martedì dalle 08.00 alle 13.00;
dal mercoledì al sabato dalle ore 08:00 alle 13:00 dalle ore 16:00 alle 19:00 (ore 18:30 ultimo accesso)
Chiusura settimanale: domenica e lunedi

Destinazione delle erogazioni liberali

RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 10,000.00 €

Il progetto espositivo prevede un percorso cronologico per un totale di 5 vetrine per quanto riguarda i reperti archeologici organizzati secondo un tema espositivo che valorizzi i singoli pezzi ma al tempo stesso rendendoli chiaramente identificabili nel proprio contesto. Non si tratterà soltanto di un ritorno allo studio del sito – le scoperte di Ranaldi non hanno mai conosciuto una vera pubblicazione – ma sarà anche il ritorno sulla scena nazionale e internazionale di alcune straordinarie opere d’arte, come una superba statuetta bronzea raffigurante Eracle in lotta con il serpente dell’Idra o ancora un prezioso candelabro bronzeo con colibrì mobile realizzato nel medesimo materiale. A far ritorno saranno anche le fotografie dell’epoca nonché numerosi documenti d’archivio che raccontano la faticosa organizzazione e gestione del lungo cantiere condotto da Ranaldi negli anni ’50, che sarà meticolosamente svelato al pubblico, come mai avvenuto prima d’ora L’utente è protagonista attivo del percorso attraverso attività che diventano esperienze partecipate, consentendogli di fissare concetti e di approcciare la cultura del passato attraverso l’interazione diretta con la materia e i manufatti. Tali prerogative saranno sviluppate attraverso un’app su dispositivi Android al fine di coniugare le esigenze di comprensione ed integrazione dei contenuti scientifici in una veste hi-tech e partecipativa oltre che divulgativa, dal profilo social e contemporaneo.