I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali e dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i. L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi degli artt. 10, 12 e 13 del D.L.gs. 22 gennaio 2004, n.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio)

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

Il Teatro Comunale Chiabrera è il più bel teatro storico in funzione della Liguria. Costruito su progetto dell’architetto messinese Carlo Falconier, è stato realizzato in circa tre anni, dal 1850 al 1853 e dal 1883 è interamente di proprietà comunale. L’edificio ha un prospetto di 27 metri, un altezza di 23 metri sino al vertice del frontone e una profondità di 57 metri, con la facciata che ha un portico esterno sorretto da 4 colonne doriche di marmo e altrettante superiori in cemento e marmo di stile ionico che sorreggono un frontone triangolare. Nel timpano è raffigurato il poeta Gabriello Chiabrera nell’atto di presentare il poema “Amedeide” al Duca Carlo Emanuele I° di Savoia. La sala, "all'italiana", con 4 ordini, 3 dei quali originariamente a palchetti e, a seguito di un restauro della fine degli anni cinquanta, trasformati in balconate, ha una capienza di 626 posti. La volta è divisa in 8 spicchi e affrescata con figure allegoriche rappresentanti le otto arti della tradizione classica e medaglioni realizzati dal pittore genovese Carlo Danielli. Il resto del plafone è stato affrescato dal ticinese, ma operante a Genova, Giuseppe Mola. Il palcoscenico di legno con assi amovibili è di circa 14 metri per 14 e lo sovrasta la graticcia in acciaio a circa 19 metri.

Informazioni sullo stato della conservazione

Il teatro ha subito nel tempo complessi lavori di restauro a partire da quello radicale operato dal 1954 al 1963. Un successivo restauro dal 1983 al 1985 ha interessato la volta ed il sottotetto sostituendo il piano di legno con uno di cemento diminuendo sensibilmente il carico d’incendio dei due ambienti. Nel 2005 è terminato l’ultimo intervento, iniziato nel 2002, che ha portato al completo rifacimento degli impianti, degli arredi e dei decori e il restauro della volta interessata dal distacco dell’affresco verificatosi nell’ottobre 1999. Resta da operare un sostanziale intervento volto a restaurare o rifare la copertura in ardesia del tetto e a completare la messa in sicurezza del Ridotto del Teatro.

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

Il Teatro ha una propria programmazione artistica e un’attività di concessione a terzi per varie iniziative che nel 2016 ha portato, complessivamente, ad oltre 100 giornate di apertura al pubblico.

 

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 350.000,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

Eliminazione infiltrazioni dalle falde del tetto di copertura sia nella zona del palcoscenico sia nell'angolo sopra il datario lato Piazza Diaz. Sistemazione e/o sostituzione attacchi gabbia di faraday alle lastre di copertura del tetto. Interventi di manutenzione straoridinaria sia dei servizi igienici che dei corridoi delle vari balconate. Modifica impianto di riscaldamento zona atrio e bar. Modifica sistema di sostegno e sollevamento del lampadario principale al piano sotto tetto.