I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali e dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.

Attività principali dell'istituzione

L’Istituto Mazziniano - Museo del Risorgimento . .Inaugurato il 5 maggio 1915 in Palazzo Bianco, dal 1934 ha sede nella casa natale di Giuseppe Mazzini in via Lomellini 11.  Il Museo del Risorgimento conserva ed espone un ricco patrimonio storico e artistico (documenti,dipinti, stampe, armi, uniformi, fotografie, cimeli), attraverso il quale rivivono le figure simbolo del Risorgimento: Mazzini e il movimento repubblicano e democratico, Garibaldi e le Camicie Rosse, Goffredo Mameli e l’Inno d’Italia. Il percorso espositivo,  arricchito da installazioni multimediali, ripercorre le vicende storiche che hanno portato all’Unità d’Italia, dalla rivolta genovese antiaustriaca del 1746 sino all’inaugurazione del Monumento ai Mille di Quarto nel 1915.
Una collocazione di rilievo è dedicata al manoscritto recante la prima stesura autografa dell’Inno d’Italia di Goffredo Mameli, cantato per la prima volta in pubblico a Genova il 10 dicembre 1847, e alle testimonianze relative alla figura di Giuseppe Mazzini, tra cui la chitarra a lui appartenuta e suonata nel lungo esilio londinese, suonata ancora oggi in occasione di speciali ricorrenze. Nel museo si svolgono attività didattiche ed espositive con laboratori e percorsi tematici.

Per quanto attiene allo specifico ambito delle collezioni tessili, una sezione assai ricca e particolarmente significativa dal punto di vista storico, è quella costituita dalla raccolta di bandiere e stendardi (1746- 1945), e dalla raccolta dei “fazzoletti risorgimentali” , che ammontano in totale a una novantina di esemplari.  Le raccolte sopra descritte, per tipologia, quantità e    dimensioni, necessitano di particolare cura  sia nella fase di conservazione, sia in quelle espositive e di studio.

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 22.300,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

Una sezione assai ricca e significativa è quella costituita dalla raccolta di bandiere e stendardi (1746- 1945), e dei “fazzoletti risorgimentali”. Tali raccolte necessitano di particolare cura sia nella fase di conservazione, sia in quelle espositive e di studio. Si rende pertanto necessario un deposito attrezzato per la conservazione e lo studio dei reperti tessili non esposti. Recentemente si è reso disponibile un locale che potrebbe essere adibito a luogo di deposito, consultazione e studio. Nel locale verranno collocate strutture realizzate su misura, in Medium density fibreboard. Le bandiere verranno “rullate” sui tubi che potrebbero ospitare tutti i quarantasei elementi presenti, composti da bandiere, labari e stendardi. I fazzoletti risorgimentali senza cornice potranno essere depositati in uno scaffale, con rispettivi vassoi interni che li contengano e con sportelli di chiusura dotati di grata, per una maggiore areazione interna.