I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali e dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i. L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi degli artt. 10, 12 e 13 del D.L.gs. 22 gennaio 2004, n.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio)

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

Rocchetta Tanaro, paese di circa 1.500 abitanti situato sulla riva destra del Tanaro a pochi chilomentri da Asti, con le sue belle colline, il Parco Naturale  e le sue straordinarie eccellenze enogastronomiche note in tutto il mondo sono il simbolo perfetto della “quieta follia dei piemontesi” per dirla alla Bruno Lauzi, suo cittadino onorario.

L’immobile in oggetto è il complesso denominato Fattoria Roceta che si affaccia sulla centrale Piazza Italia al fianco del Castello dei Marchesi Incisa della Rocchetta, del Palazzo Comunale e della chiesa S.Nicolao e Stefano (costruita nel 1700 su preesistente cappella medioevale dedicata a Santo Stefano).La Fattoria Roceta è l’ex masseria del Castello della famiglia Incisa della Rocchetta. Il complesso era stato ceduto al Comune di Rocchetta Tanaro e recuperato con diversi interventi tra la fine degli anni novanta e l'inizio del decennio successivo. Il Castello antico, distrutto ad opera di Guglielmo IX di Monferrato, era situato in una posizione importante perché controllava la valle del Tanaro e il passaggio tra basso e alto Monferrato. Il Palazzo, attualmente abitato dai marchesi Incisa, è del primo Ottocento: del periodo medievale rimangono ancora considerevoli porzioni delle cortine murarie con torri di cinta. Il parco, di concezione ottocentesca, ospita esemplari centenari di alberi ad alto fusto.

Il complesso, attualmente, comprende:

una sala polivalente dedicata a Giacomo Bologna “Braida” che ha reso celebre la Barbera nel mondo;

un albergo (attualmente chiuso);

due aree museali (Museo del Tanaro e delle contadinerie e Museo delle etichette);

una saletta dedicata a Monsignor Fagnano;

locali in uso al Comune ed alla Protezione Civile;

un locale cucina gestito dalla Pro Loco.

La “Fattoria Roceta” è il punto di riferimento socio culturale e aggregativo del paese.

Informazioni sullo stato della conservazione

Il complesso, seppur recuperato in tempi relativamente recenti, necessita di una generale riqualificazione che consenta il suo utilizzo con i criteri di funzionalità attualmente richiesti dall'utenza.

Le varie parti che compongono l'intero complesso non presentano un omogeneo stato di conservazione. Alcune porzioni necessitano di interventi di manutenzione straordinaria altre di vera e proprio restauro. In generale sono necessari interventi di riqualificazione impiantistica e di completa ripassatura della copertura (per alcune porzioni anche di tipo strutturale).

test Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

Il complesso è suddiviso in diverse porzioni destinate a:

Saletta riunioni "Monsignor Fagnano": a disposizione di privati e istituzioni su prenotazione;

Spazi di servizio utilizzati stabilmente dal Comune di Rocchetta Tanaro anche per esigenze di Protezione Civile;

Locale in concessione alla Pro loco di Rocchetta Tanaro dotato di cucina professionale;

Museo del Tanaro e delle Contadinerie e Museo delle etichette del vino: aperti su prenotazione o in occasione di manifestazioni;

Salone convegni e per pubblico spettacolo "Giacomo Bologna": a disposizione di privati e istituzioni su prenotazione;

Albergo "Roceta" con 24 posti letto (attualmente non funzionante per mancanza di un gestore).

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 150.000,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

Il progetto prevede la realizzazione di interventi puntuali consistenti in: Ripassatura del manto di copertura con inserimento di sottocoppo e, ove necessita,di rifacimento completo della copertura. Interventi di manutenzione dei serramenti esterni. Riqualificazione impiantistica con adeguamento degli impianti elettrici e riconversione dell'impianto di produzione calore. Interventi di bonifica e protezione dalle infiltrazioni di umidità di risalita.