I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali e dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.

Attività principali dell'istituzione

La “mission” del Museo è profondamente legata al territorio, alla storia ed agli artisti che in esso hanno operato; essa consiste nel ripercorrere “le tappe storiche dell’arte contemporanea in Terra di Lavoro dal dopoguerra ad oggi”. A questa mission è stata affiancata una visione più aperta, che sia in grado di veicolare le nuove tendenze dell’arte contemporanea sul territorio, con il quale si ritiene fondamentale il rapporto. Obiettivo è dunque promuovere nuove tendenze e nuove generazioni artistiche nell’ambito della programmazione del Museo. Il Mac3 ha ottenuto lo status di museo di interesse regionale ai sensi della legge n°12 del 2005 della Regione Campania e del relativo regolamento di attuazione n°5 del 2006 ed è museo capofila del Sistema Museale di “Terra di Lavoro”, riconosciuto dalla stessa regione con D.D. n°60 del 13 maggio 2016 del U.O.D 04 - Promozione e valorizzazione musei e biblioteche. Si tratta del primo sistema museale riconosciuto dalla regione Campania. Il luogo prescelto per l’allestimento della collezione permanente è il Centro dei Servizi Sociali e Culturali Sant’Agostino e l’erogazione del servizio museale si completa con una pluralità di attività raggruppate in tre tipologie legate a: alla fruizione e valorizzazione della collezione permanente; visita individuale e visita di gruppo, visite guidate gratuite su prenotazione in date, orari e, a richiesta, su temi a scelta; alla creazione di una biblioteca specializzata in storia dell’arte e di un archivio documentale per l’arte contemporanea; ad attività didattiche e laboratoriali; gratuite, articolate e diversificate per livello di scuola e per argomenti ed è descritta in un apposito programma elaborato annualmente.Tale attività è svolta sia in sede, sia sul territorio attraverso visite guidate. Il museo è costituito da cinque nuclei collezionistici permanenti frutto di donazioni acquisite a partire dagli anni 2000.

 

 

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 30.000,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

Per portare avanti l’attività programmata annualmente o semestralmente dal Museo, in considerazione della mancanza di fondi specifici stanziati dall’amministrazione, la prima parte di questo progetto è incentrata su un’attività di fundraising al fine di arricchire l’attività espositiva. Per l’attività di promozione del Museo il progetto prevede la pubblicazione di un catalogo scientifico-divulgativo di documentazione e descrizione dello stesso, della sua cronistoria, storia e descrizione dell'edificio in cui ha sede e delle sue collezioni, modalità generali di visita e servizi offerti, tavole con opere del Museo; tale pubblicazione deve avere le seguenti caratteristiche tecniche: formato 15 x 21 cm, quadricromia, 2000 copie, 120 pp., carta 120 g, copertina con alette 180 gr, cucita, ISBN. Si prevede la pubblicazione di un folder del Museo che conterrà la descrizione sintetica dei suoi obiettivi, recapiti (sito web, telefono, mail, facebook), brevi schede descrittive accompagnate da qualche foto e dalla Carta della Qualità dei Servizi del Museo. Si prospetta la partecipazione a fiere tematiche e borse sul turismo con la presentazione sul territorio di materiale e pubblicazioni, la presenza ad eventi di tal genere saranno occasione cruciale per la promozione del Museo. Nell’ambito del progetto il Museo vuole integrare l’attività didattica proponendo alcuni percorsi-gioco e attività pratico-creative rivolte al mondo dell’infanzia, che sarà data in affidamento all'esterno. In tali laboratori “facendo” e “giocando” i bambini potranno conoscere gli strumenti e le regole del linguaggio figurativo, impareranno a costruire immagini e messaggi. Le tematiche dei laboratori proposti sono: “I colori della luce”, “Aldilà del visivo” e “La carta nell’arte contemporanea”. Tempi, durata e costi sono definiti in rapporto alla scelta dei laboratori.