I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali e dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i. L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi degli artt. 10, 12 e 13 del D.L.gs. 22 gennaio 2004, n.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio)

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

Villa La Quiete sorge su un’altura poco distante dal centro storico del comune di Treia. Nota anche come Villa Spada, dal nome del suo più illustre proprietario, Lavinio de’ Medici Spada, rappresenta un monumento neoclassico di straordinaria importanza. Progettata dall’architetto Giuseppe Valadier nel 1815, nasce in luogo del preesistente convento cappuccino del sec. XVI, a sua volta costruito attorno alla chiesa di San Savino, le cui prime testimonianze risalgono ai primi decenni del sec. XI. La storia di Villa La Quiete è lunga più di mille anni: il pieno sviluppo si è avuto nella prima metà dell’800 con il conte Lavinio de’ Medici Spada, che ne ha fatto un vero e proprio capolavoro di bellezza e di cultura, in omaggio alla sua amata sposa Natalia Komar, nobildonna polacca, sorella di Delphine Komar cui Chopin dedicò alcune composizioni.

Il notevole complesso monumentale è costituito da molteplici edifici inseriti in un parco storico. Il parco è caratterizzato dalla presenza di quattro ambiti spaziali ben definiti: il perno è l’area della Casa di Villa, attorno alla quale si organizzano simmetricamente l’atrio ed il bosco cappuccino, entrambi caratterizzati dalla presenza di tre assi convergenti in uno spazio circolare; infine è presente l’ampia zona degli orti. Negli snodi principali della composizione sono inseriti i vari edifici: la Casa di Villasul cui asse, segnato dal corridoio principale, si impostano due ampi giardini con fontane; la Casa del Giardiniere, collocata a chiusura dell’atrio e inquadrata da due coppie di propilei. Una serra con merli alla ghibellina è di servizio alla zona degli orti, mentre un gazebo neo gotico, a pianta ottagonale ed un padiglione neo egizio ornano e arricchiscono il bosco cappuccino.

Oggi Villa La Quiete, dopo decenni di abbandono e degrado, è divenuta di proprietà del Comune di Treia e merita di essere riportata all’antico splendore e restituita alla Città e a chiunque voglia goderne la bellezza e il fascino senza tempo.

Informazioni sullo stato della conservazione

L’area oggetto dell’intervento di recupero è situata all’interno del complesso monumentale di Villa la Quiete a Treia e, più specificatamente, si tratta del parterre antistante la casa di villa, un piazzale pianeggiante di oltre mq 2000, originariamente occupato da aiuole e apparati vegetali di vario genere, oggi completamente scomparsi dopo anni di completo abbandono.

Gli elementi architettonici presenti nell’area sono:

  1. la scalinata di accesso alla casa di villa;
  2. la fontana composta da una vasca ellittica.

La scalinata di accesso alla casa di villa è suddivisa in due elementi differenti: una gradonata a pianta trapezoidale, con gradini in laterizio e alzata in pietra, e una scalinata sommitale in pietra. La gradonata è delimitata da due muretti laterali in laterizio e intonaco con piedistalli e relative statue in cotto.

Lo stato di conservazione degli elementi in questione è particolarmente cattivo per gli elementi in pietra della scalinata sommitale che presenta forti perdite di materiale. Gli elementi in cotto presentano invece, a dispetto del prolungato periodo di abbandono, un discreto stato di conservazione con una presenza solo superficiale di vegetazione infestante e muffe.

La fontana è una semplice vasca ellittica costruita in laterizi e rivestimento in calce idraulica. Lo stato di conservazione è fortemente condizionato dalla presenza di vegetazione infestante che ha indebolito le pareti verticali della fontana. Al centro, l’ugello del getto dell’acqua è posto all’interno di un cumulo di rocce legate assieme da calce. I meccanismi della fontana relativi alla raccolta, al pompaggio ed alla distribuzione dell’acqua sono difficilmente rilevabili e quelli visibili mostrano un pessimo stato di conservazione.

Rispetto al giardino, l’incuria protrattasi per quasi venti anni ha cancellato qualsiasi tracciato illustrativo dello schema del verde (aiuole e sentieri originariamente presenti). Attraverso visite precedenti e foto d’epoca si è venuti a conoscenza della completa assenza di elementi in materiale lapideo, o d’altro genere, per la definizione formale dei vari elementi spaziali.

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

VIsite programmate a richiesta.

Per informazioni più dettagliate sul bene e sugli interventi previsti, consultare il sito del Comune di Treia alla sezione "Art Bonus" http://www.comune.treia.mc.it/art-bonus/

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 132.000,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

Gli interventi previsti sono: 1.lavorazioni relative ai manufatti edili; 2.allaccio del sistema dei sottoservizi dell’area alla rete comunale; 3.opere relative alla ricostituzione dell’architettura del giardino. 1.Per quanto concerne i manufatti edili, gli elementi da recuperare sono la scalinata d’accesso alla villa e la fontana con vasca ellittica. Per la scalinata gli interventi previsti sono: •sulla prima gradonata, sulle due statue in cotto e sulle copertine dei muretti laterali in laterizio, una leggera idrosabbiatura per murature di mattoni; •sempre sui due muretti laterali e sui basamenti delle due statue, scalcinatura dell’intonaco deteriorato e successivo rifacimento di intonaco in calce; •sulla scalinata sommitale, completa rimozione e sostituzione del materiale lapideo degradato. Per la fontana a vasca ellittica gli interventi previsti sono: •restauro della fontana tramite la rimozione della vegetazione esistente, le riprese murarie ove ce ne sia bisogno, la rimozione e la nuova posa di uno strato di rivestimento in malta idraulica; •Fornitura e posa in opera di impianto fontana ornamentale. 2.Con l’allaccio del sistema dei sottoservizi dell’area alla rete comunale si realizzeranno tutte le predisposizioni per le reti dei sottoservizi e i relativi allacci alle reti comunali. 3.Per la ricostituzione dell’architettura del giardino le scelte proposte sono legate alla rapida deperibilità del patrimonio vegetazionale. Gli interventi previsti per il giardino fronte villa sono: •Scavo di sbancamento, in tutta la superficie del giardino, per la rimozione dello strato superiore del terreno compattato, per un’altezza di cm 20; •Potatura dei lecci per la ridefinizione delle due quinte verdi laterali; •Fornitura, stesura e modellazione di terra da coltivo del tipo torba nazionale o terriccio speciale umidizzato; •Messa a dimora di siepi; •Formazione del tappeto erboso; •Realizzazione di percorsi e di zone a ghiaietto compreso il sottofondo.