I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali e dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i. L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi degli artt. 10, 12 e 13 del D.L.gs. 22 gennaio 2004, n.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio)

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

L'Amministrazione Comunale commissionò a Marcello Nizzoli la realizzazione della sala nel 1911 e fu inaugurata nell'ottobre del 1913. Nella sala è possibile ammimare la bella decorazione policroma che l'artista, con alata fantasia e tecnica perfetta, ha saputo elevare a perfetta opera d'arte. Ammirabile e degna di prima particolare considerazione è la bella testa d'uomo che domina nella parte di fondo. Distaccandosi dalla comune forme, questa maschia figura virile rappresenta la maestà della giustizia, la quale è sorretta dalla forza (simboleggiata da lunga lingua di fiamma, lontana idea di vermiglia spada che sanguina sotto rossi occhi di fuoco), è temperata dall'equità, addolcita e resa feconda dall'aureola del ramoscello d'ulivo, emblema di pace. Ai lati della porta principale della, in perfetta simmetria, stanno la bionda Cerere, la fertilità, con corona di spighe e un vecchierel, per dirla col poeta di Laura, canuto e bianco, dalla cui sottosporgenza del labbro inferiore scende veneranda la candida barba. Nella parete di testa s'eleva terribile, sovra la nicchia dov'è il busto del Re l'aereo leone di San Marco che è pure nello stemma di Boretto. Compongono le decorazioni del soffito e delle altre pareti vasi con putti graziosi che richiamano alla mente quelli Correggio, in mezzo a fiori e corimbici tutti ed ad una fantastica riproduzione di bacche; mentre sotto il rosso tramonto autunnale le boccanti e le napee sostengono, in posizioni ardite, ricchi grappoli d'acini a simboleggiare l'umbertosità del paese.

Informazioni sullo stato della conservazione

Il salone in oggetto è stato decorato in stile liberty dal designer  Marcello Nizzoli nella seconda decade del 1900. Tali decorazioni si articolano su una struttura di finte architetture all'interno delle quali si inseriscono scene figurative, motivi floreali e puttini.

I dipinti, eseguiti a secco, con finitura a tempera, si presentano in discrete condizioni con l'eccezione delle parti basse delle quattro pareti, per un'altezza di metri 2 dal pavimento, dove, reiterate infiltrazioni e ristagni d'acqua per capillarità dal basso verso l'alto, hanno provocato un avanzato stato di degrado dovuto alla pressione esercitata dai cristalli di sali formatisi sotto la pellicola pittorica, causa principale della decoesione e della caduta del colore.

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

Dal lunedì al sabato negli orari di apertura del Municipio comunale.

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 65.000,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

Rimozione dello sporco incoerente supeficiale, fissaggio della pellicola pittorica polverizzata, ristabilimento della coesione della pellicola pittoria, ristabilimento dell'adesione della pellicola pittorica, ristabilemento della coesione degli strati preparatori, distacco e riadesione di piccole parti, trattamento biocida se necessario, controllo dei fenomeni di cristallizzazione dei sali, stuccatura e reingrazione pittorica.