I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali e dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i. L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi degli artt. 10, 12 e 13 del D.L.gs. 22 gennaio 2004, n.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio)

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

L'antico Eremo Camaldolese di Rua di Feletto, oggi Sede Municipale

La storia dell’eremo iniziò nel 1665 quando il patrizio veneto Alvise Canal donò ai monaci eremiti di San Romualdo, camaldolesi del Monte Corona, un cinquecentesco palazzo nobiliare.

 I monaci, ad integrazione, fecero erigere attorno all’eremo 14 cellette, ognuna con il giardino, l’orto, i muretti divisori e i servizi.

 Nel 1670 costruirono la Chiesa della Vergine Assunta di Rua, intanto, fin dal primo giorno d’apertura dell’eremo, l’attuale salone d’ingresso del municipio fungeva da cappella.

 L’originale disposizione dell’eremo è ben visibile in una incisione del Settecento e in un quadro ad olio, quest’ultimo conservato nella chiesa di Rua.

 L’eremo divenne meta di pellegrini e uomini di cultura che ne apprezzarono la suggestiva ubicazione collinare e la ricca biblioteca.

 Nel 1806 le leggi napoleoniche imposero la soppressione dell’eremo di cui oggi si possono ammirare la chiesa, 4 celle, l’antico palazzo ora sede municipale e l’edificio a fianco (ex canonica).

Informazioni sullo stato della conservazione

Adeguamento dell’impianto di illuminazione degli uffici e degli spazi espositivi della Sede Municipale

L’intervento prevede l’adeguamento dell’impianto d’illuminazione degli uffici e dei saloni posti sui tre piani dell’edificio municipale sito in via Marconi n. 3 a Rua di Feletto.

 Questi spazi ospitano da anni esposizioni di artisti provenienti dal Veneto e dal resto d’Italia. Si tratta di concessioni temporanee e gratuite degli spazi che ben si prestano ad accogliere mostre, vista la conformazione regolare, la luminosità e il contesto storico del manufatto, un antico Eremo di Monaci Camaldolesi.

 L’attuale impianto luci, tuttavia, non è in grado di favorire la fruizione dell’opera d’arte che necessita di essere valorizzata al meglio per evidenziarne colori e particolari.

 

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

La sede municipale di Rua di Feletto ospita mostre d'arte che sono visitabili in orario di apertura degli uffici e nei weekend a seconda della disponibilità dell'artista.

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 40.000,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

L’intervento prevede l’adeguamento dell’impianto d’illuminazione degli uffici e dei saloni posti sui tre piani dell’edificio municipale sito in via Marconi n. 3 a Rua di Feletto. In tutti gli ambienti, gli interventi sono progettati garantendo un’assoluta salvaguardia del manufatto storico, con scelte impiantistiche volte anche a tutelare gli aspetti estetici della costruzione. Oltre a una fruizione perfetta dell'arte, l'illuminazione deve garantire la conservazione ottimale delle opere con sistemi di illuminazione a binari fissati a soffitto o a parete con un adeguato numero di spot orientabili con luci specifiche che non danneggino i materiali che potrebbero risultare sensibili a determinate lunghezze d’onda. Relativamente agli uffici, l’impianto di illuminazione dovrà risultare adeguato e complessivamente omogeneo sull’intero edificio, considerata anche la natura storico-artistica del manufatto. La sede municipale si sviluppa su tre piani, ciascuno provvisto di salone centrale. Al piano terra, al secondo piano e negli uffici è prevista una illuminazione mediante barre che vanno fissate alla travatura e che siano di minimo impatto visivo. Al secondo piano va tenuto in considerazione che il tetto della Sala Consigliare è spiovente e provvisto di lucernaio. Il salone centrale del 1° piano necessita di un progetto più articolato, in considerazione dell’importanza e della destinazione dello spazio che potrebbe essere provvisto anche di un’illuminazione classica con lampadari.